Presidente del Mps: “Chi fa impresa è considerato come uno che ruba e inquina

In Italia “abbiamo fondamentalmente una cultura anti-impresa”. Lo ha sottolineato il presidente di Mps, Alessandro Profumo, secondo cui “chi fa impresa è considerato un signore che non paga le tasse, che ruba, che inquina. Dobbiamo riacquisire una cultura d’impresa”.

Profumo, sottolineando di essere componente del cda dell’Eni, ha affermato quindi la necessità di un cambiamento di mentalità. “Se in Italia – ha spiegato in un convegno all’istituto Luigi Sturzo – avessimo norme allineate con l’Ue sulla ricerca petrolifera offshore e avessimo la capacità di discutere di ricerca di idrocarburi, oggi in Basilicata potremmo fare una produzione doppia e avremmo un beneficio fiscale spaventoso, oltre 2 miliardi di euro”.

One Comment to: Profumo: in Italia c’è cultura anti-imprenditori

  1. pippochef

    Luglio 30th, 2013

    Inutile dire che Profumo ha ragione, c’è comunque da considerare che le alternative allo sfruttamento del sottosuolo della Basilicata sono molte, e potrebbero portare ad una seconda “rivoluzione industriale” dai benefici evidenti anche per l’ambiente.
    L’impresa non inquina per forza, specialmente se si sviluppano ricerche su le nuove tecnologie….. comunque non voglio divagare..
    Anche io come piccolo imprenditore sento non solo la pressione fiscale, ma il peso di un giudizio che non è dettato da un comportamento che ci riguada tutti!!!…Sicuramente c’è chi non rispetta le regole, ma identificare l’imprenditore come un ladro a prescindere mi abbatte, come se mi puntassero il dito contro…

    Rispondi

Leave a Reply

  • (not be published)