Marketing ? Senza rete non si pesca più.  Online l’81% della popolazione italiana tra 11 e 74 anni e tra gli imprenditori la percentuale sale al 97%.

Il dato e’ quasi scontato, basta vivere e guardarsi  intorno per capire che senza web oggi si va poco lontano. Gli imprenditori lo sanno bene perché oggi non c e’ marketing, vendita, comunicazione che possa credere di farne senza.
Anche Associazioni di categoria, di rappresentanza, istituzioni, e tutti coloro che vogliono lavorare con imprenditori, e non solo, che vogliono arrivare  a diffondere idee, messaggi, progetti, devono esserne padroni.
Come giovani imprenditori CNA crediamo molto nei social media, nella comunicazione come strumento di servizio ma anche di trasparenza ,correttezza, partecipazione.
Oggi possiamo comunicare molto più velocemente ed in maniera trasparente. La rete ci mette a disposizione molte informazioni, e ci consente di portare avanti i nostri programmi e i nostri valori. I giovani imprenditori devono promuovere reti di comunicazione molti importanti in termini di valore aggiunto per i loro progetti.
I numeri parlano chiaro. Senza rete non si pesca più ! E i potenziali clienti online possono essere tantissimi.
Sono 38 milioni infatti gli italiani che dichiarano di accedere a internet da location fisse (da casa, ufficio o da un luogo di studio) o da mobile, l’81% della popolazione tra gli 11 e i 74 anni. Lo dice il nuovo aggiornamento dei dati di giugno di Audiweb Trends, il report di sintesi della Ricerca di Base realizzata in collaborazione con Doxa.
Analizzando nel dettaglio la disponibilità di accesso a internet dai vari device e dalle singole location risulta un’elevata disponibilità da casa attraverso computer (35 milioni di individui tra gli 11 e i 74 anni, pari al 74,7% dei casi) e tassi di crescita significativi per le modalità di accesso a internet dai device mobili. Da dicembre 2012ad oggi si registra una crescita del 17,5% della disponibilità di accesso a internet da cellulare (19 milioni di italiani, pari al 41% della popolazione tra gli 11 e i 74 anni) e dell’80% da tablet (circa 5 milioni di individui, pari al 10% della popolazione considerata).
L’online ha raggiunto una penetrazione capillare, con tassi più elevati ancora tra i giovani (oltre il 94% degli 11 e 34enni) e tra i profili più qualificati in termini di istruzione e condizione professionale. Si segnala, in particolare, un tasso di penetrazione che supera il 90% per i laureati (98%), i diplomati (93%), gli occupati in generale (92%) e in particolare i dirigenti, quadri e docenti universitari (il 100% degli intervistati che ricoprono una di queste posizioni), con il 97% degli imprenditori, dei liberi professionisti, impiegati e insegnanti.
Per quanto riguarda gli studenti, quelli universitari presentano un tasso di penetrazione elevatissimo (il 99,7%), mentre gli studenti di scuole medie e superiori presentano un tasso di penetrazione del 97%.
Analizzando il profilo socio-demografico degli italiani con accesso a internet da cellulare, i segmenti di popolazione maggiormente esposti sono i giovani (oltre il 60% degli 11- 34enni), i residenti del Centro – Nord e coloro che vivono nei centri più popolosi (in particolare in quelli con più di 250.000 abitanti).
I tassi di concentrazione più elevati si riscontrano inoltre tra i profili più qualificati in termini di istruzione e condizione professionale. Infatti, l’accesso a internet da cellulare risulta disponibile per il 64% dei laureati, il 76% degli studenti universitari, il 66% degli studenti di scuole medie e superiori, il 52% dei diplomati, il 67% dei dirigenti, quadri e docenti universitari e il 66% degli imprenditori e liberi professionisti.
Dall’approfondimento sulle attività effettuate da cellulare emerge che tra le attività più citate da chi dichiara di accedere a internet dal cellulare risultano: navigare genericamente su internet (il 69% dei casi), inviare/ricevere e-mail (il 45%), scaricare e utilizzare applicazioni (43%), consultare motori di ricerca (40%) e accedere ai social network (39%), consultare il meteo (37%), consultare itinerari e mappe (32%).
Il 79% di coloro che dichiarano di aver scaricato e utilizzato almeno una volta un’applicazione ha preferito solo applicazioni gratuite (6,5 milioni), mentre il 21% scarica anche applicazioni a pagamento (1,7 milioni di individui). Tra le applicazioni utilizzate negli ultimi 30 giorni sono indicate quelle legate ai giochi (60%), al meteo (50%), le applicazioni che consentono di accedere e chattare sui social network (47%), le mappe, itinerari, informazioni sul traffico (45%), le applicazioni per foto e immagini (41%).
Ogni giorno risultano online 13,5 milioni gli utenti collegati in media per 1 ora e 20 minuti.
Per quanto riguarda i dati di sintesi sulla fruizione dei contenuti video online (Audiweb Objects Video), prendendo il mese giugno scorso, si registrano, ad esempio, 46,5 milioni di stream views (video fruiti), con 5,7 milioni di utenti che hanno visualizzato almeno un contenuto video online su uno dei siti degli editori iscritti al servizio, con una media di 36 minuti e 19 secondi di tempo speso per persona.
Altri dati ? ogni giorno circa 1,5 milioni di stream views, con 672 mila utenti che hanno dedicato alla visione dei contenuti video 10 minuti  e 17 secondi in media per persona.

Leave a Reply

  • (not be published)