Continua la vendita dei più bei posti del Chianti a capitali stranieri, questa è la volta della casa natale di “Monna Lisa” Gherardini, una splendida dimora  trecentesca, celebrata anche dal cinema in diversi film, fornitrice ufficiale del Quirinale e del Senato della Repubblica Italiana, con i suoi 160 ettari di cui 42 di vigneto e 11 a oliveto. Erano mesi che si vociferavano trattative, si diceva degli occhi a mandorla dei Cinesi o dei Sudafricani pieni di diamanti. L’avvocato Gianni Nunziante aveva comprato questa splendida tenuta nel 1988 e aveva sapientemente ristrutturato cantina e vigneti di questa perla del tuscan style. A Greve come succede in questi casi, al bar in piazza, o dal barbiere,  non si parla d’altro, quanto sarà stata pagata? c’è chi dice 50 milioni grazie al valore monumentale e chi parla di 30 milioni perchè c’è crisi del mercato immobiliare, si susseguono voci e ipotesi, e il giallo sull’acquirente è aperto si dice che il fantomatico sudafricano come «depistaggio»  punterebbe su un gruppo di investitori cinesi gli stessi che in aprile hanno messo le mani su un’altra proprietà di Greve, Casanuova-La Ripintura. Mentre in paese c’è ancora molto su cui spettegolare, un altro pezzo di Chianti passa a mani straniere, un altro gioiello d’Italia cambia bandiera e purtroppo se qualcosa non cambia rapidamente, ma la vedo dura, moltissime altre seguiranno la stessa sorte, e quelle più fortunate, le altre finiranno per cadere a pezzi sotto una crisi che ormai non lascia scampo a nessuno.
www.vignamaggio.it

 

 

 

Leave a Reply

  • (not be published)