Appuntamento fisso della prima domenica di maggio, giunta quest’anno alla dodicesima edizione, la Festa del Pane di Montegemoli che si è svolta ieri tra le strette vie del paesino ed al Podere Cecinello, sede produttiva del Panificio dei Fratelli Sergio ed Andrea Martini produttori del Pane di Montegemoli, famoso in tutta la Toscana e non solo.

Il loro è il tipico pane contadino delle campagne toscane del 900, realizzato con una speciale farina “tipo 2”  prodotta in esclusiva dall’antico Molino artigianale Messerini di Fabbrica di Peccioli (Pi) che consente al prodotto di rimanere inalterato per giorni, senza perdere il suo caratteristico profumo, anche dopo la cottura eseguita esclusivamente con legna di macchia locale. Il grano delle colline locali, l’acqua di sorgente e il forno a calore permanente sono  i segreti di questo fantastico pane.

Caratteristiche che hanno consentito al Panificio F.lli Martini di entrare a far parte della Comunità del Cibo ad Energie Rinnovabili (associazione promossa da CoSviG, Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche, Slow Food Toscana e dalla Fondazione ONLUS per la Biodiversità di SlowFood) e composta da produttori del settore agroalimentare che realizzano i propri prodotti utilizzando materie prime toscane ed energie rinnovabili nei processi produttivi.

Una giornata dedicata alla riscoperta del buon cibo, del buon vino e delle tradizioni, la giornata  è iniziata con una passeggiata nei boschi, guidata dalla locale Squadra di Caccia al cinghiale, che raggiunto il Forno di Montegemoli per il tradizionale Pranzo sull’Aia. Nel pomeriggio in paese di è svolta la 6° Edizione del Crostino Ubriaco, una degustazione di crostini realizzati con pane di Montegemoli e ricette locali, accompagnati da vini della zona e per finire pasta fritta del pane accompagnata da birre artigianali locali.

 

Leave a Reply

  • (not be published)