Nel borgo medioevale di Castelmuzio, questa mattina, in occasione della 3a edizione della rassegna letteraria Castel Libro, organizzata dall’Associazione Castelmuzio Borgo Salotto in collaborazione con Libraccio di Firenze, si è tenuta la passeggiata al Bosco del Lecceto.

Paolo Soffientini “Cent’anni da Leoni”

Paolo Soffientini, giovane ricercatore, musicista professionista, ideatore del progetto “Prote_In Music” ed autore di “Cent’anni da Leoni – Manuale per vivere a lungo senza rinunce” ha inaugurato la terza ed ultima giornata di Castel Libro.

In una Piazza della Pieve gremita di curiosi, appassionati, amanti della natura, che si sono ritrovati per l’occasione, ha dispensato consigli su come conciliare i principi di una vita sana con la quotidianità e ha rimarcato l’importanza dei benefici dell’attività fisica sulla salute. Inoltre ha svelato quelle che sono le regole da seguire e le buone pratiche da introdurre per vivere in modo sano senza rinunciare alla socialità e ai piaceri della vita.

Nel Bosco del Lecceto il salotto naturalistico – letterario si è aperto con l’ambasciatore del Tuscan Style, Federico Minghi, che ha proposto una riflessione su quale potrebbe essere il segreto dell’elisir di lunga vita, proponendo proprio il Tuscan Style come ricetta.

« I Toscani sono tra i più longevi d’Italia e del Mondo. Il segreto della longevità è da ricercarsi nelle persone e nei loro racconti. Abbiamo aggiunto anni alla vita, ora dobbiamo riuscire ad aggiungere vita agli anni » – esordisce Minghi, appassionato della buona tavola, del buon bere e del convivio, ma anche del benessere fisico.

Si domanda poi perché nonostante gli studi e le ricerche scientifiche, che sostengono che il segreto della longevità è composto da ambiente, dieta mediterranea e consumo di produzioni locali, come vino ed olio extravergine di oliva, ancora non sia stato scoperto l’elisir di lunga vita e se realmente esista.

Federico Minghi, Ambasciatore del Tuscan Style

In questo salotto, Federico Minghi, uno dei fautori della Start Up LeanLife, che studia la relazione tra alimentazione, sport e salute, ha voluto condividere il proprio pensiero riguardo al vivere in un paradiso terrestre come la Toscana, circondati da bellezze artistiche, storiche e paesaggistiche, con uno stile di vita slow, con valori umani ben saldi e dove si mangia in modo genuino.

« L’Uomo oggi ha smarrito la via maestra, in questa corsa frenetica al consumismo, sempre connessi in rete, alla ricerca del consenso virtuale, dove contano di più i like delle strette di mano o i follower rispetto agli amici veri. » – prosegue – « Perché L’uomo si è staccato dalla realtà? » – questa è la domanda che Minghi pone oggi al Pubblico di Castel Libro.

Il suo consiglio – « Passeggiamo di più, torniamo a leggere i libri, parliamo guardandoci negli occhi, stringiamo le mani e non cerchiamo emozioni virtuali ma rapporti veri ».

Federico Minghi nel suo intervento ha voluto anche porre una riflessione condividendo con il pubblico il suo decalogo per vivere meglio ed essere felici. Ci sprona a pensare positivo, a creare rapporti sinceri, a fare esercizio fisico, a mangiare alimenti sani, a lavorare con costanza ed impegno cercando di aiutare il prossimo, sorridere di più, tenere attiva la mente, ritagliarsi almeno un’ora al giorno per se stessi e cercare di dare, più che chiedere.

« Ecco perchè il Tuscan Style rappresenta per me l’elisir di lunga vita. In Toscana diamo ancora valore ad una stretta di mano. Qui ancora è possibile andare al bar sotto casa a scambiare quattro chiacchiere con gli amici di sempre. Qui l’uomo è al centro della vita e delle relazioni proprio come nel concetto dell’Uomo Vetruviano di Leonardo da Vinci, di cui quest’anno ricorre il cinquecentenario dalla scomparsa. » conclude Minghi – « Riprendiamoci cura di noi, mettiamoci al centro, cerchiamo di vivere in equilibrio con noi stessi e con la natura che ci ospita».

Augusto De Bellis “Erbe & Fiori di montagna”

Si è poi tenuta la “naturalistica” presentazione che ha visto protagonisti Augusto De Bellis, erborista, naturalista, socio della Società Botanica Italiana, conoscitore della flora toscana, alpina e di acqua dolce,  docente di Botanica, autore di “Erbe e fiori di montagna – Nuove specie floristiche della Toscana Meridionale”

Quest’opera non si pone lo scopo di spiegare le causalità della presenza di una flora “emergente” o “nuova” della Toscana Meridionale, bensì di rendere noto il risultato di un’indagine recentissima effettuata in aree poco “battute” dai ricercatori botanici. Il risultato è apprezzabile per il rinvenimento di specie botaniche, lontanissime e impensabili da trovare sul nostro territorio.

Angiolo Naldi “Sentieri natura in Terre di Siena”

E Angiolo Naldi, ricercatore naturalista, guida ambientale escursionista e scrittore; da oltre trenta anni si occupa delle isole del parco nazionale dell’arcipelago toscano autore di “Sentieri Natura in Terre di Siena”.

Il suo Libro si sviluppa dal concetto che L’umanità si è evoluta camminando. Dalla “culla d’Africa” il primo Homo cominciò il suo lungo viaggio per andare a occupare gli spazi più remoti del pianeta. L’essere umano, camminando, ha attraversato tutta la sua storia. Oggi i mezzi meccanici hanno in parte sostituito gli spostamenti a piedi, facilitando la gestione del tempo, ma limitando la possibilità di godere a pieno delle bellezze del paesaggio e di ciò che ci circonda. Questa guida è un invito per coloro che amano camminare o intendono dedicarsi alla sana attività dell’escursionismo e descrive itinerari corredati da indicazioni di carattere naturalistico, storico-naturalistico, archeologico e paesaggistico.

La presentazione è stata un successo ed ha stimolato il pubblico a riflettere sul valore della natura e dell’uomo. Complice la cornice del Bosco del Lecceto e l’incanto del Borgo Medioevale di Castelmuzio, Castel Libro ha lasciato questa mattina tutti a bocca aperta.

Andrea Sansoni

Mi chiamano “ambasciatore della Toscana” per tanti anni ho accompagnato amici e personaggi di tutto il mondo alla scoperta del mio angolo di Paradiso, non solo qui a casa mia ma anche portando le eccellenze ed i capolavori toscani del gusto, come amo definirle, negli eventi più glamourous. Mi piace raccontare tradizioni, storie e leggende che sono dentro ad un buon calice di vino e ad una buona ricetta.

Leave a Reply

  • (not be published)