In questo anno difficile per l’olio extravergine di oliva italiano, con un crollo produttivo di oltre il 40%, ciascun italiano si dovrà accontentare di “tre bottiglie a testa” lo afferma David Granieri presidente di Unaprol-Consorzio olivicolo italiano. “consideriamo una previsione di produzione per questa campagna di 300.000 tonnellate, dati che andranno sicuramente rivisti e ritoccati al ribasso; il consumo pro capite, calcolato su 60.000.000 di italiani, sarà di 5 kg di olio di oliva in generale, pari a 5,45 litri di olio. Considerando una produzione di extra vergine sul totale pari al 65%, quest’anno ogni italiano potrà contare solo su 3,25 litri di vero extra vergine italiano. In una campagna dalla produzione media normale il consumo pro capite (2013) risulta di 10,8 kg, cioè 11 litri di olio in generale, pari a 7 litri di extravergine”. L’extravergine di qualità dei produttori certificati si trova sugli scaffali a un prezzo oltre 10 euro al litro, per una crescita di oltre il 40% sullo scorso anno, stabili invece i prezzi dell’olio industriale, con il prezzo medio risultato di 4 euro al litro.

Per Natale quest’anno, il regalo più gradito sotto l’albero sarà proprio una bella bottiglia di olio “bono”!
Info: www.unaprol.it

Leave a Reply

  • (not be published)