Brunello di Montalcino 2009

Brunello di Montalcino 2009, 4 stelle a un eccelso vino di Toscana

Il Brunello di Montalcino nel 2009 ha conosciuto un anno problematico, capace di caratterizzare tutta la produzione di vino in Toscana. Il clima umido e la pioggia si sono protratti lungo Brunello di Montalcino 2009 etichettatutto giugno e parte di luglio, il caldo soffocante e “asciuttore” addirittura presente ancora a ottobre, scavando differenze profonde fra le produzioni e fra vari terroir, mettendo a dura prova la maturazione ottimale dei tannini e delle uve, ma anche abbassando drasticamente l’acidità totale. Il risultato è un tannino non eccessivo e maggiore sapidità. Sembra chiaro che non ci sarà la longevità di altre annate, ma qualche sorpresa piacevole potremo averla pure in questo senso.

Quindi, in generale, se è attestato che ci troviamo di fronte a vini con un pelo di evoluzione di troppo sulle spalle, è altresì vero che trattasi di bottiglie da cui traspare nettissima una migliore consapevolezza interpretativa riconoscibile nei produttori, in grado oggi di fronteggiare le occorrenze più difficili con lungimiranza e stile, cosa impensabile fino a solo dieci anni fa. Perché riusciamo a cogliere, da una annata così difficile, elementi di bontà generalizzata e di caratterizzazione tipologica dentro a prodotti che magari non dovranno attendersi  nel tempo per essere bevuti, salvo rari casi.

Mi chiamano “ambasciatore della Toscana” per tanti anni ho accompagnato amici e personaggi di tutto il mondo alla scoperta del mio angolo di Paradiso, non solo qui a casa mia ma anche portando le eccellenze ed i capolavori toscani del gusto, come amo definirle, negli eventi più glamourous. Mi piace raccontare tradizioni, storie e leggende che sono dentro ad un buon calice di vino e ad una buona ricetta.

Leave a Reply

  • (not be published)