0 26 secs
Federico Minghi
Live da Firenze
in collaborazione con Nannini
Live da Firenze per portarvi nel backstage di uno dei più importanti eventi di moda in Italia e nel mondo
By / Toscana

Pitti Uomo 2019 • Live Streaming Event
in collaborazione con Nannini

Martedì 8 gennaio, live da Firenze per portarvi nel backstage di uno dei più importanti eventi di moda in Italia e nel mondo Pitti Uomo

MORE ARTICLES

0 26 secs
Federico Minghi
Lavorare nel Chianti
I progetti legati al territorio
La scomessa importante
By / Toscana

Matteo Marsan, Teatro Vittorio Alfieri a Castelnuovo Berardenga.

Federico: Matteo, come e quando nasce la sua passione per il teatro?

Matteo: Nasce alle superiori. Ho fatto l’Istituto d’Arte a Firenze a Porta Romana e a 16-17 anni mi hanno chiesto se volevo far parte di un gruppettino di ragazzi e ragazze per fare la locandiera di Goldoni. Mi resi conto che mi piaceva moltissimo il modo di stare insieme di un gruppo che comunque prova a mettere in piedi una commedia e da lì ho sempre continuato attraverso gruppettini a fare il teatro. Un docente dell'istituto, Giuseppe Scuto, che insegnava lettere aveva già al tempo si parla del 1990-1991, una compagnia un pochino più strutturata che si chiamava lo Stanzone delle Apparizioni e sono entrato a far parte di questo gruppo e da lì sono arrivato ad oggi.

L'intervista continua nel video ...

Per altri video Diari di Viaggio consultate Place2B Siena

MORE ARTICLES

La Bottega del 30
La Bottega del 30 a Castelnuovo Berardenga Federico: Siamo a
Diari di Viaggio vanno in scena le emozioni
Diari di viaggio è il risultato di tante giornate passate
Matteo Marsan e il Teatro Vittorio Alfieri
By
Toscana
Matteo Marsan, Teatro Vittorio Alfieri a Castelnuovo Berardenga. Federico: Matteo, come e quando nasce la sua passione per il teatro?
La Bottega del 30
By
Toscana
La Bottega del 30 a Castelnuovo Berardenga Federico: Siamo a Villa a Sesta uno splendido borgo nel cuore del Chianti
0 [post-views]view 2 mins
Federico Minghi
Siamo stati nel ristorante stellato nel cuore del Chianti

La Bottega del 30 a Castelnuovo Berardenga

Federico: Siamo a Villa a Sesta uno splendido borgo nel cuore del Chianti insieme a Helene della Bottega del 30, proprio fresca fresca in questi giorni di un grande riconoscimento da parte della Guida Michelin.

Helene: è stato molto emozionante dopo 22 anni di stella ricevere questo premio, è stata una grossa grossa soddisfazione, un grosso piacere questo sì..

Federico: come l'hai saputo?

Helene: Una sera è venuto uno, assomigliava un po' ad un ispettore della commissione, ha mangiato e poi a ha pagato e m'ha detto posso parlare con lei ho detto sì noi eravamo già un po nell'ansia in cucina, ho detto che succede e comunque con una grande grande delicatezza e emozione mi ha detto signora io sono il direttore generale della Michelin e io mi sentivo svenire che succede che ho fatto di male e gentilmente mi ha detto: "prima volevo conoscerla e presentarmi" e l'ho ringraziato poi le volevo fare le condoglianza per il suo marito e questo mi ha colpito il cuore perché gente che magari non conosce tutta la storia, sono stata molto colpita e poi mi ha detto lei fa le valigie e va a Parma la settimana prossima, con da Nadia, partite perché voi siete una sicurezza nel tempo, sono 22 anni che avete questa stella con una qualità nel tempo e noi la vogliamo coccolare a Parma dunque venga e così è successo, bellissimo, è stato bellissimo...

L'intervista continua nel video ...

Per altri video Diari di Viaggio consultate Place2B Siena

Ricetta Panforte, Siena in tutto il suo splendore La ricetta del Panforte di Siena, simbolo dal significato unico per tutta la Toscana, dall’impareggiabile gusto tradizionale, conosce qualche piccola variante, a seconda dello speziale che lo realizzava. Ad ogni modo, dopo avervi raccontato la storia, ecco il metodo e la ricetta tradizionale che viene tramandata da generazioni (senza alcun “ingrediente segreto”), cimentatevi e assaporate Siena! Ingredienti (per 8 persone): 600 gr di canditi misti (cedro, arancia,
Minghi / Nov 20
Proverbi Toscana Proverbi di Toscana, una wiki che si sofferma su alcuni modi di dire tipici I proverbi di Toscana: vietato visitare questa regione senza conoscerli. E non poteva mancare in una sezione “wiki” una pagina dedicata ai detti popolari, alle frasi da “toscanacci”, ai proverbi tipici di Toscana. Una wiki piccola e non esaustiva, un minimo assaggio della quotidiana tuscanitas. Essere toscano è difficile, lo diceva Curzio Malaparte, siamo l’unico popolo che da sempre
Minghi / Nov 20
Chianti Classico Chianti Classico, sua maestà il vino toscano Il Chianti Classico è forse il vino rosso italiano più conosciuto nel mondo. Il marchio che da sempre distingue le sue bottiglie è il Gallo Nero, simbolo di un territorio splendido che secondo una leggenda fu diviso, dopo molte guerre, da due cavalieri partiti proprio al canto del Gallo per stabilirne i confini. Il vino Chianti Classico viene prodotto con uve Sangiovese per almeno l’80% (ma
Minghi / Nov 20
Parchi Toscana Parchi in Toscana, espressione autentica per un turismo di esperienza I parchi di Toscana, pura metafora dedicata solo a un tipo di turismo attento, pronto ad apprezzare le differenze naturali, le escursioni, l’aria aperta.  La Toscana non è solo un grande scrigno di tesori storico-artistico ma anche naturali. Dalle vette delle Alpi Apuane passando per la campagna fino alla costa, sono molteplici i parchi naturali, le oasi e le foreste protette da visitare.
Minghi / Nov 20
Felsina
By
Toscana
Felsina a Castelnuovo Berardenga Federico: Quando Lei ha preso Felsina per mano come se la immaginava? Cioè, è riuscito a
L’aperitivo chic? nel Chianti si fa in macelleria dallo Stiaccini
By
Toscana
Da Milano dove le mode nascono, a tutta Italia, spopola l’happy hour… in macelleria. Non si aspetta altro, quando il
By Minghi.Federico Published on Dic 5, 2018
0 21 secs
Federico Minghi
Eccellenza alla frontiera tra il Chianti e le Crete Senesi

Felsina a Castelnuovo Berardenga

Federico: Quando Lei ha preso Felsina per mano come se la immaginava? Cioè, è riuscito a fare tutto quello che aveva in mente oppure c'è ancora qualcosa che gli è rimasto in cantiere?

Giuseppe: Devo dire che quando ho cominciato ho sentito la necessità di condividere anche le mie incertezze e bisogno di conoscere e da questo punto di vista il ruolo decisivo l’ha avuto il nostro enologo col quale abbiamo cominciato a capire che il Sangiovese qui era il protagonista. Quando ho cominciato io ero in rimessa continua, quindi bravi quelli che hanno avuto anche la forza finanziaria di sostenere il progetto, la via maestra era quella di capire il nesso profondo che c'era tra il vitigno ad alta vocazione come il Sangiovese e questa terra.

L'intervista continua nel video ...

Per altri video Diari di Viaggio consultate Place2B Siena

MORE ARTICLES

L’aperitivo chic? nel Chianti si fa in macelleria dallo Stiaccini
Da Milano dove le mode nascono, a tutta Italia, spopola
A Castiglion del Bosco Massimo Ferragamo ha aperto la porta del Paradiso
Martedì scorso 18 Luglio ho avuto la fortuna di attraversare,
Un vino di razza. La leggenda del Sassicaia
Il Sassicaia non è un vino è una leggenda, così
Vineria Tirabusciò un luogo di ricerca e passioni
Negli ultimissimi anni Siena ha visto nascere nuovi interessanti locali,
L’Asinello a Villa a Sesta è un tempio del gusto e un idillio dei sensi
Già per raggiungere l’Asinello il viaggio eleva lo spirito, gli
Il Caseificio il Fiorino nell’olimpo dei migliori al mondo
Nuovi riconoscimenti per una delle aziende d’eccellenza regionali, il Caseificio “Il
Lo sport ha da sempre occupato un ruolo di fondamentale importanza nella società. Lo sport come momento di vera, sana aggregazione, unico strumento in grado di  abbattere tutti quei muri che creano divisioni tra gli uomini in virtù del loro diverso credo religioso, politico, della provenienza geografica o del colore della pelle. Oggi più che mai si sente l’esigenza di sentir parlare di sport in questi termini. “Storia di una cintura che vuole cambiare colore” (Betti
Minghi / Gen 3
Moda, Cinema ed Enogastronomia si incontrano Sabato 23 febbraio 2019 alla Milano Fashion Week, grazie all’idea del Vignaiolo Creativo Federico Minghi. Il Videomaker toscano Francesco Faralli, conosciuto e apprezzato per i suoi cortometraggi in campo internazionale. Gli squisiti ricciarelli Nannini di Siena, una tradizione secolare della città del Palio. L’Impermeabile dell’Azienda Landi di Empoli, un must dell’abbigliamento. Arte e valori saranno i protagonisti assoluti dell’edizione 2019 di Milano Fashion Week. L’idea è stata quella di creare un evento in un luogo particolare e di poterlo fermare
Minghi / Feb 22
Toscano Classico Toscano Classico, leggenda fatta sigaro Il TOSCANO® Classico è il sigaro più longevo di tutta la produzione. Venne presentato per la prima volta al pubblico nel 1930 e il suo uso si diffuse rapidamente grazie al suo gusto tipico e piacevole. Il sigaro TOSCANO® Classico è costituito interamente da tabacco Kentucky nazionale sia per la fascia che per il ripieno. La lavorazione si basa su di un’antica tradizione, tramandata lungo i decenni. Tutti
Minghi / Nov 20
Il primo giorno di primavera quest’anno cade un giorno prima: «colpa» della rotazione terrestre, che anticipa l’equinozio alle 17:15 di martedì 20 marzo e coincide con la Giornata internazionale della felicità (quella, però, cade sempre il 20 marzo: è stata istituita dalle Nazioni Unite nel 2012). Che la natura abbia voluto darci un segnale?  Il momento dell’equinozio è quello della rivoluzione della Terra intorno al Sole in cui il Sole si trova allo zenit dell’equatore.
/ Mar 20

DIARIO

DI VIAGGIO

Matteo Marsan e il Teatro Vittorio Alfieri

Minghi / Dic 6
Matteo Marsan, Teatro Vittorio Alfieri a Castelnuovo Berardenga. Federico: Matteo, come e quando nasce la sua passione per il teatro? Matteo: Nasce alle superiori. Ho fatto l’Istituto d’Arte a Firenze

ARTICOLI

INTERESSANTI

La Toscana in passerella a Milano alla Fashion week
Moda, Cinema ed Enogastronomia si incontrano Sabato 23 febbraio 2019 alla Milano Fashion Week, grazie all’idea del Vignaiolo Creativo Federico Minghi. Il
Federico Minghi
Pitti Uomo 2019 LIVE
Pitti Uomo 2019 • Live Streaming Event in collaborazione con Nannini Martedì 8 gennaio, live
Federico Minghi

OPINIONISTI

E ULTIMI ARTICOLI

Latest opinion by

La Toscana in passerella a Milano alla Fashion week

Moda, Cinema ed Enogastronomia si incontrano Sabato 23 febbraio 2019 alla Milano Fashion Week, grazie all’idea del Vignaiolo Creativo Federico Minghi. Il Videomaker toscano Francesco Faralli, conosciuto e apprezzato per i suoi .....
ETICA 4.0
Minghi.Federico 3, Gen 8 mins
0 8 mins
Federico Minghi
Alla base del Judo si trovano radici profonde, fatte di principi, valori e insegnamenti degli antichi Samurai. Questi insegnamenti portano in se il valore aggiunto di questa disciplina: l’educazione e l’allenamento della mente e dell’anima.

Lo sport ha da sempre occupato un ruolo di fondamentale importanza nella società.

Lo sport come momento di vera, sana aggregazione, unico strumento in grado di  abbattere tutti quei muri che creano divisioni tra gli uomini in virtù del loro diverso credo religioso, politico, della provenienza geografica o del colore della pelle.

Oggi più che mai si sente l’esigenza di sentir parlare di sport in questi termini.

“Storia di una cintura che vuole cambiare colore” (Betti editore), il racconto pubblicato in questi giorni  da Giuseppe Galasso, come iniziativa portata avanti insieme al Cus Siena, sembra proprio aver colto questa esigenza avvertita a livello sociale, proponendosi come apprezzabile mezzo per la promozione e diffusione della disciplina del Judo e con esso di tutti gli sport che, come dice lo stesso autore nella sua introduzione, vengano praticati secondo principi di de coubertiana memoria.

Una lettura gradevole che attraverso il dialogo tra un padre Maestro di Judo e il proprio figlio, introduce a questa disciplina con un approccio scorrevole ma al tempo stesso intenso tracciando, nell’evocare i principi sui quali si basa il Judo, un vero e proprio percorso sul quale incamminarsi per il miglioramento personale e sociale.

Si percepisce come l’autore voglia rivolgere questo messaggio intanto a tutti quei ragazzi che praticano o vogliano avvicinarsi a questo sport e la presenza  di Lupo Alberto  disegnato da Silver  con il Judogi e rappresentato in vari atteggiamenti da giovane Judoka sul tatami rende ancora più gradevole e divertente lo sfogliare delle pagine.

Ma il testo si presta anche ad un altro tipo di lettura. 

MORE ARTICLES IN THIS CATEGORY

PRINCI'S

La primavera è uno stato d’animo: siate felici

Il primo giorno di primavera quest’anno cade un giorno prima: «colpa» della rotazione terrestre, che anticipa l’equinozio alle 17:15 di martedì 20 marzo e coincide con la Giornata internazionale della felicità (quella, però, cade sempre
Federico Minghi