Brunello di Montalcino 2006

Brunello di Montalcino 2006, 5 stelle

Il Brunello di Montalcino 2006 è espressione unica di un anno eccezionale per il vino di Toscana. Ben 27 i Brunelli che hanno ottenuto un punteggio tra i 95 e i 100 centesimi, mentre sono stati 113 a raBrunello di Montalcino 2006, Luceccogliere tra i 90 ed i 94 su cento.

Suckling ha incoronato due Brunello di Montalcino con il massimo della valutazione (100/100): si tratta del Brunello Luce della Vite dell’aziendaTenute di Castelgiocondo della famiglia Frescobaldi, e della selezione Tenuta Nuova di Casanova di Neri.

Il giudizio su quest’ultimo è condiviso anche da Larner, che ha attribuito al vino il voto più alto raggiunto nel 2006, ovvero 97/100. Lo stesso vale per le selezioni Montosoli di Altesino e Poggio alle Mura di Castello Banfi e Helichrysum di San Polino che in entrambe le classifiche si trovano nella fascia oltre i 94 punti.

Il Brunello di Montalcino 2006 è una versione migliore rispetto all’annata 2004, dotato di un aroma incredibile e parte di un progressivo rinnovo di identità per Montalcino. I vini 2007 hanno un sapore un po’ più fruttato in paragone a quelli del 2006. Sono la qualità del suo tannino e la freschezza della sua acidità a fare del vino 2006 il mio preferito.

Dal punto di vista della maturazione delle uve, il periodo da aprile a giugno è stato caratterizzato da persistenti piogge che hanno favorito un importante accumulo di acqua nei terreni, riserva che si è dimostrata quanto mai utile durante la stagione estiva. Luglio si è rivelato caldo e soleggiato, con ottimale sviluppo del grappolo e completo assecondamento di tutte le fasi fenologiche della pianta. Agosto è trascorso meno rovente del solito, poiché il cielo si è talvolta coperto e non sono mancati alcuni eventi piovosi. La prima quindicina di giorni di settembre è stata molto calda e soleggiata ed ha assicurato la definitiva evoluzione dei grappoli verso una maturazione completa ed equilibrata. La seconda metà del mese settembrino è iniziata con un po’ di pioggia, che ha fatto variare decisamente il tempo e aperto il ciclo autunnale. La situazione si è prontamente ristabilita ed ha permesso l’inizio della vendemmia.

Articoli correlati