Val d’Orcia

Val d’Orcia, affresco celebre di toscanità

Val d’Orcia, una risposta ottima per chi si chieda cosa vedere a Siena e dintorni. La valle, i suoi luoghi suggestivi ed i suoi itinerari hanno entusiasmato e ispirato registi e artisti.

Non vi stupite se vi sembrerà di aver già visto uno scorcio, un paesaggio, un casale, una delle tante meraviglie d’arte presenti: un film, uno spot pubblicitario, un documentario vi hanno forse già raccontato e presentato questo palcoscenico naturale.

Zeffirelli infatti sceglie Bagno Vignoni e Pienza, per il suo “Romeo e Giuletta”, persino Bernardo Bertolucci decide di filmare in un casolare nelle splendide crete senesi alcune scene di “Io ballo da sola“(1996), con Liv Tyler e Geremy Irons ed è nel complesso monastico benedettino di Sant’Anna in Camprena, che Jiulette Binoche cura “Il paziente inglese”.

Val d'Orcia, paesaggio

Val d’Orcia, un territorio così bello e magico nato 5 milioni di anni fa, quando la zona cominciò a sollevarsi in seguito al ritirarsi del mare e al depositarsi di sabbie e argille che danno oggi origine allo strato superficiale della vallata.

Fra le opere architettoniche meritevoli di particolare interesse sono: la Collegiata, Palazzo Chigi Zondadari e gli Horti Leonini a San Quirico; la Cattedrale a Pienza; la Rocca a Montalcino; quella degli Aldobrandeschi a Castiglione e le mura medicee a Radicofani. Da non perdere i borghi di Monticchiello ( borgo di aspetto medievale cinto entro le mura con torri e cassero datato alla metà del 200, famoso da oltre un trentennio per le rappresentazioni del Teatro Povero) Rocca d’Orcia (con la sua formidabile Rocca a Tintinnato), Vignoni e Ripa d’Orcia e la straordinaria Abbazia di Sant’Antimo che risale al periodo di Carlo Magno.

Articoli correlati