Oggi è il carbonara day approfittatene!

miglior-carbonara-roma-Oggi 6 aprile è il Carbonara Day, la Giornata Mondiale della carbonara, una ricetta dalle origini incerte ma dal risultato sicuro, non c’è nessuna ricetta che accende così tanto la passione culinaria degli italiani come la pasta alla carbonara, ieri ricetta tipica del Centro Italia, oggi fenomeno mondiale.  Secondo una recente la ricerca Doxa-Aidepi, la Carbonara (insieme a pasta al forno e spaghetti al pomodoro) è tra le 3 ricette del cuore dei 15-35enni e la preferita in assoluto dal 18% degli italiani (soprattutto uomini) e nel Nord ovest.

Nel 2017, la prima edizione del #CarbonaraDay è stata un caso social, con oltre 29mila interazioni e 4mila contenuti pubblicati in poco più di 24 ore e una partecipazione di oltre 83 milioni di persone in tutto il mondo.

Guanciale sì, pancetta no e neanche bacon. Pecorino sì, parmigiano no. Lolio va messo? E lalbume? Aglio e cipolla vanno aggiunti? La pasta alla carbonara è la ricetta italiana più amata al Mondo ma è anche la più controversa. Per i puristi italiani esiste solo una maniera per farla e 5 ingredienti: guanciale, pecorino, uovo, sale e pepe. I più innovatori invece credono che essendo la pasta un piatto versatile, non debbano esserci limiti allinterpretazione culinaria di questa ricetta.

Una ricerca dell’associazione dei Pastai Italiani ha scovato le versioni internazionali più curiose: In Inghilterra è popolare con le zucchine, in Cina e Malesia col pollo, quella con il pesce conquista la Spagna e sta prendendo piede anche nellItalia più tradizionalista e nellalta cucina. Altre radicali varianti: nei paesi Anglosassoni l’uovo è a volte sostituito da besciamella. In Giappone, invece, si aggiunge la panna e non è presente il pecorino. In Francia, Germania e Norvegia si va oltre, con preparati liofilizzati all’aroma di Carbonara pronti in 5 minuti. Ma questa è un’altra storia.

Alle rivisitazioni, più o meno lecite, si aggiungono poi i gusti personali e le abitudini familiari. Che riguadano il formato di pasta da utilizzare. Meglio corta o lunga? Diciamo subito che vanno bene entrambe. Se per molti alla carbonarasi lega indissolubilmente al termine spaghetti, per molti altri la pasta alla carbonara per eccellenza è il rigatone, romanissimo (rigatoni con la pajata, alla gricia, col sugo di coda alla vaccinara ecc.). Al massimo si possono utilizzare le mezze maniche.

Guanciale sì, pancetta no (ma qualcuno la usa, anche se non lo confesserà mai) e men che mai bacon. Pecorino sì, Parmigiano no, ma il mix dei due formaggi è spesso tollerato o addirittura ben accetto.

L’olio? Assolutamente no per molti (è il grasso del guanciale a ungere il tutto) mentre altri sono possibilisti, specie se scelgono di sgrassare il guanciale e usarne solo la rimanente carne croccante.

Come spesso accade per le ricette più famose, anche in questo caso sono sorte nel tempo diverse leggende sulle sue origini. Sebbene la carbonara sia una preparazione relativamente recente, infatti, le ipotesi sulla sua invenzione sono molte e spesso contraddittorie.

Una versione vuole che labbiano inventata i soldati americani nel 1944 unendo la pasta italiana agli ingredienti della Razione K(tuorlo duovo in polvere e bacon). C’è una seconda versione invece che vuole che il piatto sia stato inventato dai carbonai appenninici (carbonari in romanesco), che lo preparavano usando ingredienti di facile reperibilità e conservazione. La carbonara in questo caso sarebbe levoluzione del piatto cacio e ova, di origini laziali e abruzzesi. Unultima ipotesi ricondurrebbe, infine, lorigine della ricetta alla cucina napoletana e la sposterebbe più indietro nel tempo, al trattato del 1837 Cucina teorico-pratica di Ippolito Cavalcanti nel quale ci sarebbero tracce della ricetta. Certo è che al di là delle interpretazioni e delle origini della carbonara, per la preparazione della carbonara nella sua versione classica c’è un piccolo segreto, questa volta di natura scientifica, da tenere in considerazione: la temperatura di coagulazione delluovo, che come ci ricorda il chimico Dario Bressanini, è intorno ai 65 gradi, sia che si usi solo il tuorlo sia che si aggiungano anche gli albumi.

 

2 commenti su “Oggi è il carbonara day approfittatene!

  1. Proofreadingservices

    Io vivo a a Roma e devo dire che, seppure possa sembrare turistico, il ristorante La Carbonara a Campo del Fiori, fa un”ottima carbonara. Comunque si fa con il guanciale e NON con la pancetta e l”albume, uno ogni due uova ci va. Un caro saluto Fabio

    Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>