Chic è Charming Italian Chef: sociale e sostenibilità ambientale

chic 1Da ormai otto anni, l’arrivo della primavera porta con sé non solo i suoi colori e profumi, ma anche l’appuntamento CHIC più importante dell’anno: il Congresso Annuale dell’associazione, nel corso del quale sono stati presentati la Guida 2018/19, i nuovi Soci e i progetti per l’anno in corso.

 

Per l’occasione è stata scelta la Toscana e ci si è immersi nella natura incontaminata della sua campagna, nel prestigioso Renaissance Tuscany Il Ciocco Resort & Spa, nel cuore della Garfagnana. In questa Regione risiedono diversi Associati e quest’anno si rivela anche una realtà della ristorazione estremamente dinamica e in crescita, con 3 nuovi professionisti: con lo Chef Antonio Strammiello che ritorna al Castello di Fighine di San Cascano dei Bagni (new entry 2018!), con l’approdo nel capoluogo toscano dello chef Fabio Barbaglini al ristorante La Ménagère e dello chef Stefano Santo a Il Salviatino di Fiesole.

La giornata è iniziata con la consueta Assemblea dei Soci in cui si esalta lo spirito associativo che, con costanza, entusiasmo e desiderio di confronto, anima i numerosi soci giunti da tutta Italia e da oltreconfine (come Andrea Scarpati, Chef di Sapori Restaurant di Leicester e le new entry Armando Codispoti del Ristorante Gavi di Beirut e Gennaro Nasti della pizzeria Bijou di Parigi). Durante l’incontro si sono ribaditi i principi che stanno alla base dei valori dell’associazione e che si possono così sintetizzare:

Semplicità – Umiltà nel proprio lavoro, essere al servizio del cliente, dare equilibrio ed emozione;

Salubrità – Promuovere una corretta alimentazione; valorizzare la qualità delle materie prime, le cotture delicate, gli accostamento di ingredienti;

Sostenibilità– Rispetto per l’ambiente e l’utilizzo delle risorse naturali; ricerca della qualità; attenzione alle tecnologie e al loro impatto; valorizzazione della filiera di prodotto; attenzione alla produzione e utilizzo degli scarti.

Tante le novità emerse al Congresso, dalle iniziative già in attivo e in costante crescita, come il costante impegno per il sociale e la sostenibilità ambientale e un’attenzione particolare all’importanza della formazione.

Alla Conferenza stampa è seguito un Lunch con 12 Postazioni CHIC CHEFS, 12 isole gourmet in cui si è valorizzato, attraverso le loro preparazioni, la multidisciplinarità dell’associazione: 9 chefs, 1 pizzaiolo, 1 panificatore e 1 pastry chef a cucinare per colleghi, ospiti e giornalisti.

 

CHIC RESPECT, progetto di CHIC che nasce per richiamare il settore del consumo a confrontarsi sull’attenzione e il rispetto per l’ambiente e per le sue risorse, e approfondire uno dei temi maggiormente sentiti del nostro tempo: la sostenibilità.

L’idea ambiziosa di CHIC mira a trovare una nuova strada verso il consumo sostenibile, nell’intento di comunicare non solo un territorio di alto valore qualitativo, sociale e civile, ma soprattutto etico. Il risultato costituirebbe il più lungimirante investimento per il futuro, quello per la vita e la prosperità del pianeta.

Il progetto CHIC RESPECT consiste nell’impegno (volontario) degli chef associati di aggiungere tra le proposte del ristorante, un menu sulla base dei principi fondamentali di sostenibilità, quali l’uso di risorse energetiche alternative, la riduzione dei consumi, l’attenzione al riciclo e al riutilizzo degli scarti, l’acquisto etico delle materie prime, la salvaguardia delle tradizioni alimentari, la salute dei consumatori ed è supportato da un comitato scientifico composto da esperti qualificati che, con esperienze di estrazione diversa e conoscenze tecniche professionali di indiscusso valore, ha il compito di accompagnare e validare i menu proposti dagli chef.

Dopo la partecipazione alla fiera Host 2017, quest’anno CHIC organizza un convegno a Milano in cui si affronterà il tema della sostenibilità lungo tutta la filiera e che sarà occasione di nuovi approfondimenti e confronti tra aziende, chef e opinion leader.

 

Gli appuntamenti 2018:

16 Aprile: Montecosaro (MC) c/o Ristorante Signore Te Ne Ringrazi 14 maggio: Gambolò (PV) c/o Villa Necchi alla Portalupa
5 giugno: Genova c/o Ristorante Il Marin (Eataly)
20 giugno: Piobesi D’Alba (CN) c/o Ristorante 21.9

5 luglio: Cortina c/o Rosa Petra Resort & Spa
3 settembre: Erbusco c/o Albereta Resort (Btob Pizza) 17 settembre: Napoli c/o Ristorante Palazzo Petrucci 2 Ottobre: Giarre (CT) – c/o Radicepura
12 Novembre: Silvi (TE) c/o Borgo Fonte Scura

 

L’associazione parteciperà nel corso dell’anno ad alcune manifestazioni che promuovono la cultura della cucina di qualità al grande pubblico e nel settore professionale:

20-22 maggio Cibo Nostrum a Taormina in collaborazione con la F.I.C.
2-3 giugno City of Gastronomy Festival a Parma in collaborazione con Parma Quality Restaurants

22 ottobre Sigep – Gelato d’Oro in collaborazione con Gelato University Carpigiani

 

 

chefI NUOVI SOCI CHIC:

Il Marin (Eataly) a Genova – Chef Marco Visciola
Orterie a Stazzona (SO) – Chef Rie Otsuke
Petite Royale c/o G.H. Royale e Golf a Courmayeur (AO) – Chef Paolo Griffa Castel Fragsburg a Merano (BZ) – Chef Diego Sales
Antica Osteria La Rampina a San Giuliano (MI) – Chef Luca Gagliardi Pizzeria da Zero a Milano – Maestro Pizzaiolo Paolo De Simone
Unico a Milano – Pastry Chef Beppe Allegretta
O fiore mio a Faenza (FC) – Maestro Pizzaiolo Davide Fiorentini
Baita Mondschein a Sappada (UD) – Chef Marco da Rin e Paolo Kratter

Castello di Fighine a San Casciano Bagni (SI) – Chef Antonio Strammiello Nascostoposto a Terni (TR) – Chef Armando Beneduce
Dolciarte ad Avellino – Pastry Chef Carmen Vecchione
Pensando a te a Baronissi (SA) – Chef Antonio Petrone

La boutique del pane a Messina – Maestro Panificatore Tommaso Cannata Ristorante il Cappero c/o Terhasia Resort a Vulcano (ME) – Chef Giuseppe Biuso Pizzeria Bijou a Parigi FRANCIA – Maestro Pizzaiolo Gennaro Nasti
Gavi a Beirut LIBANO – Chef Armando Codispoti

I NUMERI DI CHIC: 119 soci
109 soci in Italia

10 soci all’Estero

120 locali

64 ristoranti
31 ristoranti d’albergo
9 ristoranti con camere
3 ristoranti all’interno di cantine vinicole
1 ristorante in agriturismo
8 pizzerie
4 laboratori panificazione/pizzeria/pasticceria/gastronomia

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Paolo Barrale Presidente Onorario Marco Sacco Vice Presidente Angelo Sabatelli Vice Presidente Andrea Alfieri

Flavio Costa
Pietro D’Agostino
Vincenzo Guarino
Stefano Masanti
Franco Pepe
Emanuele Vallini
Raffaele Geminiani Direttore

GLI SPONSOR

Agostinetto, Agugiaro & Figna, Amarcord, Arcos, Borgo del Basamico, Carpigiani, FerroWine, FSG Italia (Steelite, Revol, WNK, Rona), Gico, Goeldlin, Kettmeir, Koppert Cress, Lamole, Mancini Pastifico Agricolo, Moretti Forni, Norwegian Seafood Council, Nespresso, Piazza, Riso Buono, Royale, Selecta, Spirito Contadino, Trabo (Arcos, Isi, Kisag), Valverde.

Sponsor tecnici prodotti per il Congresso

Le delizie del grano, Agugiaro & Figna, Caseificio Costanzo, Macelleria Fracassi, Spazio Fumoir.

I CONTATTI
CHIC – Charming Italian Chef
Direttore: Raffaele Geminiani direttore@charmingitalianchef.com
Sviluppo progetti ed eventi: Katia Piazzi katia.piazzi@charmingitalianchef.com

Sede:

Via Pomezia, 10/A
20127 Milano (MI)
tel. +39 02.87085984 www.charmingitalianchef.it info@charmingitalianchef.it

 

Un commento su “Chic è Charming Italian Chef: sociale e sostenibilità ambientale

  1. webdev

    Sherry lohnt sich immer. Wir haben ihn sehr lieben gelernt, und man kann damit großartige Drinks zubereiten. Wir bevorzugen zur Zeit von Lustau die Qualitäten Jarana (Fino), Papirusa (Manzanilla), Los Arcos (Amontillado), San Emilio (PX) und East India Solera. Von Williams Humbert nehmen wir den Don Zoillo (PX, etwas süßer und rosiniger) und den Dry Sack Solera Especial (Oloroso) gerne. Sherry ist einfach zu vielfältig, um nur eine Flasche zu haben. Ein kleiner Tip am Rande: Wir füllen die Restmengen immer in 20 ml-, 60 ml- und 100ml-Fläschchen um, dann hat man auch kein Problem damit, daß der Sherry oxidiert und verdirbt.

    Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>